Gli effetti dell’allenamento con carichi che massimizzano la potenza erogata e le ripetizioni individualizzate rispetto all’allenamento tradizionale

DiDaniele Marrama Saccente

Gli effetti dell’allenamento con carichi che massimizzano la potenza erogata e le ripetizioni individualizzate rispetto all’allenamento tradizionale

Riflessioni

Il risultato principale dello studio corrente è che entrambi i metodi di allenamento di potenza sono validi per migliorare la potenza erogata.

Tuttavia, per OP sono stati raggiunti livelli inferiori di RPE e un maggiore controllo della perdita di potenza durante le sessioni. Inoltre, è stata trovata anche una tendenza ad un miglioramento più rapido delle variabili cinematiche nell’OP (cioè da T1 a T2).

Le misure di forza e potenza hanno mostrato che le prestazioni della panca sono state migliorate per entrambi i gruppi OP e TT dopo il periodo di formazione di otto settimane, con aumenti rispettivamente di 1RM del 10,6% e 14,5%.

I dati di potenza in uscita devono essere interpretati con cautela poiché la valutazione della potenza era compresa tra 30 e 50% di 1RM. Questa gamma include il carico relativo utilizzato nell’allenamento OP, mentre il carico utilizzato nel TT era più alto.

Sebbene i confronti siano difficili a causa dell’uso di diverse metodologie, i risultati attuali sono simili a quelli della ricerca precedente che riportava aumenti di forza nei gruppi di allenamento
utilizzando un approccio di “carico ottimale”. Harris et al. [39] hanno valutato due diversi programmi di allenamento della forza di sette settimane (cioè carichi che massimizzano la potenza erogata contro l’80% di 1RM) e hanno trovato miglioramenti significativi in ​​1RM rispettivamente  del 15% e del 10,5%, rispettivamente  senza differenze significative tra i gruppi.

Più recentemente, Loturco et al. riportarono miglioramenti significativi in ​​1RM e potenza (cioè 60% 1RM per back squat e 45% 1RM per jump squat) quando si usano gli esercizi di back-squat e jump-squat ottimali, dopo un periodo di allenamento di nove settimane.

Questi cambiamenti in 1RM e potenza sono stati anche accompagnati da nessun cambiamento nella massa magra, nella misurazione della circonferenza del torace o nel braccio rilassato o teso.

Pertanto, si può ipotizzare che siano stati apportati miglioramenti a diversi fattori neurali che hanno dimostrato di influenzare le prestazioni di potenza, come il reclutamento di unità motorie, la velocità di frequenza, la sincronizzazione delle unità motorie e il coordinamento inter-muscolare.

Il presente studio ha anche mostrato miglioramenti nella potenza erogata con il 30%, 40% e 50% di 1RM per il gruppo OP, dopo quattro settimane di addestramento (cioè da T1 a T2).

Per quanto a nostra conoscenza, nessuno studio precedente ha analizzato meno di sei settimane di allenamento utilizzando una metodologia di allenamento simile (cioè carico ottimale). A questo
proposito, Izquierdo et al. , analizzando gli effetti dell’addestramento della forza che porta al fallimento rispetto al non fallimento, non ha trovato cambiamenti significativi nella potenza
della panca con il 60% di 1RM fino all’undicesima settimana di allenamento (la potenza è stata valutata alla sesta, undicesima e sedicesima settimana).

Pertanto, sulla base dei risultati attuali, suggeriamo che:

i carichi di allenamento individualizzati (cioè il gruppo di addestramento OP) portano a miglioramenti più efficienti nel tempo, con un aumento medio della potenza del 12% dopo le prime quattro settimane di allenamento e del 18% dopo otto settimane.

Si ipotizza che questi miglioramenti più rapidi siano dovuti a una riduzione delle richieste metaboliche e dell’affaticamento causate dalle caratteristiche dell’allenamento e, pertanto, consentano adattamenti neurali più elevati.

Oltre alle misure di performance, i cambiamenti ormonali hanno mostrato una tendenza alla diminuzione della ST e all’aumento dei valori di SC dopo quattro settimane di allenamento per TT,
mentre il gruppo OP tendeva a mostrare livelli più bassi di SC accompagnati da livelli stabili o superiori di ST (cioè il 63% di i partecipanti all’OP hanno aumentato le loro concentrazioni di
testosterone salivare rispetto al basale, mentre l’80% dei partecipanti ha ridotto le concentrazioni nel gruppo TT).

Questi risultati devono essere interpretati con cautela, data la controversia nella letteratura esistente.

Elevate concentrazioni di testosterone  e cortisolo  sono state riportate durante l’allenamento della forza, mentre molti altri studi hanno mostrato riduzioni   o nessun cambiamento; pertanto, l’uso di ST e SC rimane discutibile.

I risultati del presente studio mostrano una diminuzione progressiva della prestazione (cioè potenza di picco) dal primo set nel gruppo TT e il più alto RPE per l’intero periodo. Simili diminuzioni
della potenza o della velocità sono state riportate in precedenza associate a riduzione del glicogeno muscolare e fosfocreatina (PCr), in particolare nelle fibre di tipo II e un
aumento di RPE. Gorostiaga et al. , analizzando il metabolismo muscolare durante insiemi consecutivi di cinque ripetizioni con 10RM, ha riscontrato diminuzioni dell’output di potenza (~
20%) simili a quelle del presente studio, insieme a cambiamenti significativi in ​​PCr, creatina e lattato. Inoltre, gli autori hanno trovato correlazioni tra le diminuzioni della potenza di picco e i
parametri metabolici (ad esempio ATP e lattato).

Su questa base, Sanchez-Medina e Gonzalez-Badillo  hanno concluso che la perdita di velocità (che è direttamente correlata alla perdita di potenza) è uno strumento valido per quantificare l’affaticamento neuromuscolare durante l’allenamento della forza.

In confronto, l’OP in questo studio suggerisce che l’affaticamento neuromuscolare è apparso nell’ultima serie di ogni sessione di allenamento, con una diminuzione della potenza di picco di ~ 5%, mentre in TT la perdita di potenza del 5% si è verificata nel secondo set.

Il limite principale del presente studio è la mancanza di misurazioni neurali (cioè l’EMG di superficie) che potrebbero fornire informazioni sulla fatica neurale nelle diverse metodologie di
allenamento. Inoltre, data la controversia relativa agli effetti differenziali dell’allenamento energetico con carichi che massimizzano la potenza in soggetti addestrati o non addestrati e più o
meno forti, è necessario conoscere gli effetti di queste metodologie di allenamento su di essi. Possibili differenze importanti osservate tra i metodi potrebbero apparire statisticamente
non significative come risultato della piccola dimensione del campione del presente studio.

Dovrebbe essere notato che solo OP mostrava incrementi di potenza e RM sopra i valori MD, indicando che potrebbero essere cambiamenti reali e importanti. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per supportare questa ipotesi.

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9

Info sull'autore

Daniele Marrama Saccente administrator

1 commento finora

Il numero di serie e ripetizioni per raggiungere i propri obiettivi nella forza massima, velocità e potenza, ipertrofia e resistenza – LAQUILATODAY.com – Articoli e notizie sull’allenamento, alimentazione, fitness e benesserePubblicato il9:32 am - Ago 27, 2018

[…] Gli effetti dell’allenamento con carichi che massimizzano la potenza erogata e le ripetizioni … 22 agosto 2018 […]

I commenti sono chiusi.