Training Polarizzato

È  una combinazione dei suddetti concetti ed è noto come allenamento  “polarizzato” (POL).

C’è un dibattito su quale di questi concetti di training possa essere il migliore al fine di massimizzare adattamenti e quindi  le prestazioni degli atleti.

Uno studio (Stöggl and Sperlich) ha cercato di dare una spiegazione confrontando i metodi (pro e contro) dei quattro metodi il titolo originale del lavoro è:

Polarized training has greater impact on key endurance variables than threshold, high intensity, or high volume training

Criteri

HVT eseguito con bassa  intensità (LOW – circa 65-75% del VO 2PEAK )  minore dell’80% della velocità di picco cardiaca o minore di 2 mmol·L -1 (lattato nel sangue);
la durata prolungata è pensata per essere un concetto fondamentale di formazione in preparazione per gare di resistenza.
Questo tipo di esercizio fisico generalmente migliora VO2PEAK e   l’efficienza dei componenti metabolici  chiave per il rifornimento di energia.

HIIT ha rivelato grandi miglioramenti nelle prestazioni atletiche e relative variabili chiave di resistenza (ad esempio, il tempo di esaurimento, le prestazioni a cronometro, VO2PEAK , la velocità di marcia massimale e submassimale, economia di esercizio) sia in soggetti allenati che non allenati. Questi miglioramenti sono stati  causati da aumenti di disponibilità di O2, estrazione, utilizzo e agli aumenti del VO2PEAK. Gli studi  ci confermano che un blocco condensato di 2 settimane di 10-13 allenamenti di HIIT ha portato ad un aumento del 7% a VO2PEAK (Stølen et al., 2005 ).

LT  denominato “allenamento in soglia” migliora le prestazioni di resistenza, in particolare in atleti non allenati (Denis et al,. 1984 ; Londeree,1997 ).

Tuttavia, fondisti norvegesi  di classe mondiale  hanno dimostrato maggiore volume di allenamento vicino al LT rispetto agli sciatori di livello nazionale (Sandbakk et al., 2011 ).

Inoltre, in fondisti elite si sono trovati  maggiori miglioramenti nella velocità di corsa alla soglia del lattato  in una prova di 20 minuti  esercitata a un’intensità tra 3-4 mmol·L -1 rispetto ad allenamenti con  intensità bassa (minore di 3-4 mmol · L -1 )  (Evertsen et al., 2001 ).

Al contrario, i dati sperimentali e correlazionali da atleti ben allenati suggeriscono che il tempo di allenamento vicino al LT può essere inefficace o addirittura controproducente (Esteve-Lanao et al,. 2007 ; Guellich e Seiler, 2010 ).