Skip to main content

Seminario: Doping/Antidoping: parliamone

23 maggio 2015  Onna (L’Aquila) ore 16.30  – Sala conferenze di  Casa Onna

SEMINARIO con il prof. Dario D’Ottavio

Doping/Antidoping: parliamone

 

 Chi è il prof. Dario D’Ottavio?

Fa parte, insieme all’ematologo  Benedetto Ronci e il prof. Donati del team di scienziati che sta monitorando il marciatore  Schwazer (squalificato per doping)  durante i suoi allenamenti a Roma.

L'intervista di Shwazer alla Gazzetta dello sport
L’intervista di Shwazer

 

 

Fonte Gazzetta dello Sport: Donati ha poi spiegato le modalità del monitoraggio che un vero e proprio team di scienziati, dal professor Dario D’Ottavio al professor Benedetto Ronci, potrà effettuare per controllare Schwazer. “Non ci sarà finestra oraria, l’ora quotidiana in cui un atleta si rende disponibile per il controllo.  Sara disponibile in ogni momento per sua stessa volontà”.

Di cosa si parlerà con il prof. D’Ottavio?

Il fatto di aver superato uno o più test antidoping non vuol dire necessariamente per un atleta essere pulito.

Questo sarà uno degli argomenti che  il Professor D’Ottavio affronterà in occasione dell’incontro che si svolgerà a L’Aquila  presso la “Sala Conferenza di Casa Onna” nella frazione di Onna il  23 maggio 2015 alle ore 16.30.

Il tema è estremamente  interessante e importante anche per dare un senso e un indirizzo nuovo ad una lotta al doping che – fatta così com’è fatta nel mondo dello sport – è sempre meno incisiva. Un meccanismo di facciata dall’efficienza minima.

Il “problema doping” è un problema importante e deve essere affrontato in modo rigorosamente scientifico.

Demagogia e superficialità sono estremamente pericolose

Quando si ha a che fare con argomenti che interessano e coinvolgono direttamente la salute delle persone, un bene tutelato dalla nostra costituzione.

Un atleta “negativo” ai controlli antidoping potrebbe non essere “sicuramente” pulito, secondo il prof.

In primo luogo (doping invisibile) alcune molecole non possono essere attualmente rilevate con gli attuali strumenti a disposizione (vedi insulina) e per altre molecole (vedi h-rgh) i test disponibili sono in grado di poter evidenziare un “doping” recente e recentissimo, non quello pregresso, data la bassa permanenza di talune sostanze nell’organismo.

 Alcuni articoli collegati

Schwazer sposa Donati

Come raggiungere la location